Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su OK acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Consulta la Cookie Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

FacebookTwitterGoogleLinkedinYoutubeInstagramPinterestFoursquare

Una specializzazione per la tua sicurezza

Esiti obesità

Esiti obesità patologica

 

Di cosa si tratta?

esiti-obesita-viterboLa chirurgia plastica degli esiti d’obesità patologica o chirurgia plastica post bariatrica cura i pazienti ex obesi che si sono sottoposti a interventi chirurgici di chirurgia bariatrica per perdere peso. Dopo questi interventi, i pazienti perdono peso in modo costante con conseguenze a livello dell’addome e degli arti in articolar modo. Infatti, a causa dell’eccessivo aumento di peso, la pelle perde elasticità e dopo il dimagrimento non è più in grado di tornare alla condizione di partenza. esiti-obesita-firenzeI pazienti, a causa del disagio provocato dalla pelle cadente in accesso, hanno disturbi sia nel movimento che nell’igiene personale, fino anche a infezioni e dermatiti nelle zone di contatto cutaneo. A causa di questi disturbi, i pazienti ex obesi richiedono di poter ricorrere a interventi di chirurgia plastica ricostruttiva.

Cosa si può fare per rimodellare il corpo a seguito del dimagrimento?

L’eccesso di pelle anelastica è a carico di tutte le parti del corpo, ma colpisce con maggior gravità addome, fianchi, braccia e cosce. Di solito sono necessarie più sedute per poter rimodellare il proprio corpo, sedute in cui sono eseguiti anche due interventi in contemporanea. Più frequentemente s’inizia con l’intervento di chirurgia plastica ricostruttiva a carico dell’addome con ricostruzione della parete addominale, ricostruzione dei fori addominali delle porte erniarie e lipoaddominoplastica completa con trasposizione dell’ombelico; nei casi più gravi, si ricorre anche alla torsoplastica, cioè alla resezione della cute in accesso al livello lombare, che, se associato ad addominoplastica, prende il nome di addominoplastica circonferenziale. Il processo di modellamento continua con la brachioplastica, cioè la resezione della cute in eccesso a livello delle braccia e poi con il lifting cosce. Solo in casi selezionati, questi tipi d’intervento chirurgico sono erogati dal Sistema Nazionale Sanitario.